16 luglio 2016

"D'Aprés Goya" di VARLIN al Palazzo Bentivoglio di Gualtieri.
Di Beniamino Vizzini

"D'Aprés Goya" di VARLIN
di Beniamino Vizzini
16 Luglio 2016

In occasione della mostra "Varlin. Dipingere la vita", a cura di Sandro Parmiggiani, a Palazzo Bentivoglio, sede permanente del Museo Antonio Ligabue, Gualtieri (Reggio Emilia)


VARLIN (Willy Leopold Guggenheim) "D'Aprés Goya", 1970

Dopo Goya, la condizione esistenziale dell’uomo, nella storia, non sembra affatto essere cambiata; lo stesso grido d’angoscia, la stessa follia, la stessa profonda pietà, agitano le due allucinate teste urlanti nella figurazione sfigurante e tragica di Varlin. Questo quadro esposto, insieme a circa 40 opere dell’artista svizzero, nella mostra "Varlin. Dipingere la vita", a cura di Sandro Parmiggiani, fino al 17 luglio 2016 al Palazzo Bentivoglio di Gualtieri (Reggio Emilia), ci restituisce l’espressionistica esteriorizzazione d’una rivolta anarchica, ben viva nel cuore della tensione creatrice di un pittore, “stralunato e geniale” (come l’aveva definito Roberto Tassi) cui fu Léopold Zborowski a fornirgli – non per caso – il nome d’arte Varlin, in ricordo dell’eroe e martire anarchico della Comune di Parigi, che aveva rovesciato la colonna Vendôme assieme a Courbet. Il vero nome di Varlin era Willy Leopold Guggenheim. 

Il suo quadro “D’Aprés Goya” del 1970, reso con rapide pennellate informali e deformanti, composto d’una tavolozza ridotta a bianchi sporchi, neri e ocra, con qualche traccia di gialli e rossi, proprio al modo delle “Pitture Nere” nella Quinta del Sordo del grande genio aragonese di Fuendetodos,

Inseguire la modernità? Marche doucement sur la Terre, elle est sacrée

Inseguire la modernità?
"Marche doucement sur la Terre, elle est sacrée", J.Y. Leloup

di Beniamino Vizzini, 16 Luglio 2016

Arte Romana, La Primavera o Flora, Museo Archeologico Nazionale, Napoli
Arte Romana Imperiale, Affresco, Foto Scala, Firenze
su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

Ad altri spetterà l’obbligo di accertare le responsabilità per il disastro ferroviario avvenuto il 12 luglio 2016 sulla linea Corato-Andria in Puglia. A noi di Tracce Cahiers d’Art invece tocca il dovere di fermarci un attimo a riflettere sulle ragioni più complessive che spiegherebbero il perché di quanto accaduto. Sembrerebbe farsi strada nell’opinione pubblica il senso comune per cui una simile tragedia si sarebbe verificata a causa del grave ritardo infrastrutturale e tecnologico che caratterizza le regioni meridionali d’Italia. Insomma, sarebbe stata tutta colpa d’una carenza di modernizzazione con relativa carente tecnologia in grado di garantire strutturalmente la sicurezza e, dunque, il problema si risolverebbe inseguendo più tecnologia ovvero, più modernità nelle aree emarginate e meno moderne del Paese. 

Tale “senso comune” non manca indubbiamente di logica e di razionalità ma proviamo, per un momento, a rovesciarne l’assunto principale ed a riflettere sull’altra faccia nascosta della luna… e se fosse proprio la modernità o i processi sempre più accelerati di modernizzazione a provocare effetti di emarginazione, di inefficienza e di abbandono in aree sempre più estese del pianeta?

3 luglio 2016

THE LOST ART OF DRAWING. L'ARTE PERDUTA DEL DISEGNO.
Disegni inediti di Architettura dell'Archivio Storico dell'Accademia di
Belle Arti di Roma in mostra al Centro Studi Americani

Ringraziamo il prof. Marco Nocca per averci segnalato la mostra romana L'Arte perduta del Disegno

IL DISEGNO PERDUTO

a cura di Marianna Montaruli, 3 Luglio 2016 

La mostra
THE LOST ART OF DRAWING – L’ARTE PERDUTA DEL DISEGNO realizzata in collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Roma e con l’Harvard Club of Italy aperta fino all' 8 luglio 2016 presso il Centro Studi Americani, via Michelangelo Caetani 32, Roma, raccoglie disegni e bozzetti inediti della Scuola di Architettura di fine ‘800 provenienti dalla collezione del Fondo Storico dell’Accademia. Sono esposti 36 fogli di giovani architetti della Roma Umbertina, alcuni dei quali destinati a diventare protagonisti della trasformazione della Città dei Papi nella nuova capitale laica del Regno d’Italia. Si tratta soltanto di una parte di tutti i disegni ritrovati negli Archivi dell’Accademia di Belle Arti e che hanno rischiato di essere perduti per sempre chiusi dentro a un sacco pronti ad esser gettati via. 

Erano rimasti per lungo tempo in scatoloni accatastati a terra ben 72 disegni di ottima fattura e di perfetta esecuzione che rappresentano “un vero tesoro”